La macchina da caffè Moka è una macchina da caffè automatica o con piano cottura che produce caffè facendo passare l’acqua calda attraverso i fondi, il caffè pressato o il caffè filtrato, il tutto preparato con la semplice pressione di un pulsante. Descritta dal suo creatore, Alfonso Bialetti, come Moka in spagnolo, è stata originariamente inventata nel 1933 dall’immigrato italiano Alfonse Bialetti. La macchina è oggi considerata una delle più grandi invenzioni italiane. È diventata un’icona per i bevitori di caffè italiani, soprattutto per quelli che bevono il caffè. Oggi le macchine da caffè Moka si trovano in centinaia di ristoranti, caffè e persino nelle case di tutta Italia.

Una macchina da caffè Moka è generalmente costituita da una sola unità, o forse due, che comprende la caffettiera, il macinacaffè e il portafiltro. La caffettiera è costituita da un barattolo di caffè, che di solito è fatto di porcellana o acciaio inossidabile, che viene posto sopra la piastra calda che ha il filtro. L’acqua del rubinetto viene poi posta nella parte inferiore della caffettiera per garantire un riscaldamento uniforme. L’acqua che rimane all’interno della caffettiera gocciola sui fondi di caffè. Quando la caffettiera viene riscaldata, il caffè viene forzato attraverso i fondi di caffè, che sono collegati alla bobina. L’acqua che rimane all’interno della caffettiera forza anche i macinacaffè attraverso la bobina, insieme ai fondi.

Se il tuo intento è di fatto quello di acquistare una caffettiera moka, magari anche per un uso commerciale, si consiglia di cercare un’azienda che sia in grado di offrire un certo numero di disegni di mok, in modo tale da soddisfare non solo le richieste tecniche e di utilizzo dei clienti, ma anche quelle estetiche. Ci sono alcune aziende che sono in grado di produrre solo un tipo di caffettiera, ma altre hanno il vantaggio di essersi specializzate proprio nella produzione di più stili diversi di moka. Ciò che è essenziale è che si faccia un po’ di ricerca su Internet prima di prendere una decisione di acquisto finale. È importante ad esempio anche conoscere bene l’azienda, le sue caratteristiche e la sua filosofia di lavoro.

I macinacaffè collegati alla bobina vengono separati dai chicchi di caffè. Al termine del processo di macinazione, i macinacaffè vengono messi nel portafiltro. Quando i macinacaffè e i filtri vengono mescolati, l’acqua gocciola fino alla macchina da caffè e poi nel serbatoio dell’acqua. Quest’acqua viene raccolta e conservata per un uso successivo.

Visita il sito internet seguente sceltacaffettiera.it per approfondire l’argomento trattato.