La panca piana è la tipologia di panche fitness più diffusa da sempre. Il suo nome lo prende dal suo aspetto, ovvero quello di un banco orizzontale, stretto e lungo. Come accennato, questo tipo di attrezzi per il fitness è il più popolare, ma nonostante ciò è bene ricevere ulteriori informazioni sul prodotto prima di acquistarne uno sbagliato. In questo articolo daremo una piccola panoramica sulle panche piane, ma se si desiderano ulteriori informazioni è bene consultare il sito internet  Panchefitness.it.

Solitamente le panche piane distano da terra di almeno 40 centimetri. Questa è l’altezza ideale per eseguire al meglio gli esercizi. Con una panca troppo alta infatti non riusciremo a toccare bene in terra, mentre in caso contrario rischiamo di contrarre eccessivamente i muscoli delle game. Il piano di lavoro è lungo circa un metro e venti, e largo dai 28 ai 32 centimetri. Anche in questo caso la scelta della misura è ben ponderata: uno schienale largo ci potrebbe ostacolare durante gli esercizi per i pettorali, mentre uno stretto non ci consentirebbe di trovare un equilibrio ottimale.

Esistono vari tipi di panche piane in commercio, ma possiamo dividerle in due macro categorie: quelle fisse e quelle inclinabili. Le panche fisse sono le più “elementari”, sono di semplice fattura e hanno un design elementare e basic. Questi strumenti sono ideali per allenare i pettorali, o i muscoli delle braccia. Di solito in questi casi le panche sono dotate di un ulteriore supporto verticale, che serve per poggiare pesi e bilancieri tra un esercizio e l’altro. Le panche dotate di questi accessori solitamente costano di più rispetto al modello base. Le panche inclinate invece permettono una maggiore versatilità di utilizzo, in quanto possiamo sfruttarle per fare un maggior numero di esercizi. Il piano di appoggio non è orizzontale, ma inclinato di 45 gradi, il che serve per stimolare tutti i muscoli della parte superiore del corpo (e non solo quelli delle braccia).  

L’ultimo fattore da valutare è la possibilità di chiudere la panca dopo l’utilizzo. Questa comodità ci permette di riporre al meglio lo strumento, anche se abbiamo una casa piccola o poco spazio a disposizione.